domenica 6 agosto 2017

Pigliate 'na pastiglia ...

Scalfari oggi scrive dei suoi Pensieri fuggitivi, pensieri maiuscoli ovviamente. Ai quali premette una poesia (scrive versi, tra l’altro) che fa così: Anch’io son preda / dei miei pensieri fuggitivi / Dove vanno non so / ma non li inseguo.

Purtroppo sappiamo bene dove finiscono i suoi Pensieri fuggitivi: stampati su Repubblica, ogni domenica. E oggi essi ci parlano della Rivoluzione. Di quale rivoluzione? Non poteva mancare il riassuntino storico alla cazzo di cane, e ad ogni modo si tratterà di una rivoluzione che si svilupperà da qui al 2400, conferma Scalfari. Soggetto della Storia e Protagonista della rivoluzione sarà, cito testualmente, “l’Io che è psicologicamente singolo [e che] diventa Noi, cioè rivoluzionario. L’Io che alberga nell’animo nostro e ci rende consapevoli di quanto i risultati stentino ad appagarci”.

“È soltanto l’età – sciorina ancora il Vate – a produrre questo risultato d’insoddisfazione [dei desideri], semplicemente il mancato risultato che ciascuno si propone di raggiungere: chi vuole far soldi e non ci riesce sente crescere il desiderio e così chi vuole il potere, il successo, l’amore, insomma la voglia di vivere con pienezza e non ci riesce, vede crescere quella voglia e cerca di comprenderne le motivazioni.”.

Scalfari, scavando ancor più in profondità, chiarisce meglio quale sia il ruolo storico dell’Io che diventa Noi e si cimenta con la rivoluzione: è costituito da “una minoranza assai numerosa, specie in certi paesi del mondo e la loro povertà li riduce ad avvertire soltanto bisogni a livelli elementari: il cibo, il clima, il desiderio sessuale, il sonno che attenui la fatica del sopravvivere. I poveri di questi livelli tornano a riavvicinarsi al livello animalesco da cui la nostra specie proviene: l’Io è ridotto ai minimi termini e così pure la memoria”.

C’è un che di contraddizione tra l’Io dei poveri, bisognoso di sussistenza, e il Noi rivoluzionario e satollo dei desideranti potere, successo, amore; ma non sottilizziamo, non facciamo di ogni Dio un fascio. L’Io insoddisfatto di Scalfari è un conto, quello delle minoranze povere un altro paio di maniche. Infatti, il veggente ammonisce: “quando le minoranze povere e disperate insorgono, abbattono, distruggono”. I loro bisogni sono elementari, non sentono crescere il desiderio della poesia. Per questo ci vorrà del tempo, alcuni secoli, quando uno Scalfari nero e povero fonderà una nuova … Repubblica, sulle cui bandiere sarà iscritto: “Da ognuno secondo il suo verso, ad ognuno secondo i suoi desideri”.


Rapporti sociali e rapporti di produzione, la degradazione del lavoro, la logica di morte che si accompagna a quella del profitto, la crisi capitalistica, la ricchezza che diserta la produzione, l’esistenza regolata dalle quotazioni di borsa, e altre balle del genere non c’entrano nulla o sono fatti collaterali. Tutto ciò accade invece per effetto dell’insoddisfazione, per il crescere del desiderio, sia esso elementare o senilmente evoluto, e soprattutto perché la badante s’è dimenticata di dargli la pasticca per la pressione.

14 commenti:

  1. Amen! Ah, ah, ah.

    RispondiElimina
  2. Il materialismo deve tornare ad essere, così come è stato, il vettore di una sinistra di classe che lotta scientificamente per abbattere il sistema capitalistico e rovesciare lo Stato borghese. Il moralismo di tipo azionista, il verbo di Scalfari e la comunicazione deviata e deviante che viene diffusa dal sistema dei mass media e ‘in primis’ dalle televisioni di regime (come ha ben capito, ed è un suo merito indiscutibile, Beppe Grillo), sono altrettante ‘armi di distrazione di massa’, contro cui va fatto valere il principio gramsciano secondo cui solo la verità è rivoluzionaria.
    Il dilemma di fronte al quale una sinistra ‘liquida’ e ‘leggera’ si è venuta a trovare era, in fin dei conti, quello posto da Platone all’inizio della filosofia: scienza o opinione, verità o retorica, pedagogia o seduzione. Del resto, non è difficile comprendere che, quando la scienza non è più in grado di guidare l’azione, la sola legge che decide quale opinione prevarrà è quella della forza e della seduzione: forza e seduzione della retorica, forza e seduzione del denaro, forza e distruzione delle armi. Se oggi una siffatta 'sinistra' merita soltanto di essere equiparata al suo avversario, con il quale peraltro, a livello politico, governativo, economico e finanziario, è organicamente imbricata, ciò accade perché, abbandonando il materialismo, la scelta era obbligata: opinione, retorica, seduzione e distruzione ci ricordano che l’egemonia, il ‘soft power’, è, alla fin fine, un pugno d’acciaio nascosto in un guanto di velluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il materialismo? ma questi sono materialisti fin dalle budella e idealisti dal buco del culo in poi.

      Elimina
    2. Anche se l'eloquio non è
      casto, il contenuto è assolutamente vero. Però, attenzione: una cosa è il volgare materialismo dualista che contrappone il corpo allo spirito, la carne all'anima e così via dicotomizzando (in questa fattispecie rientra quel tanto di materialismo borghese che, frammisto ad uno spiritualismo di accatto, è presente nella ristretta 'forma mentis' scalfariana) e un'altra è il materialismo monista (una cui fattispecie è il materialismo storico-dialettico) al quale mi riferisco io e del quale la sinistra 'liquida' e 'leggera' si è sgravata, essendo diventato per essa e, segnatamente, per la sua integrazione nel sistema borghese-capitalistico un peso ormai intollerabile. Il materialismo nella seconda accezione è ontologico e gnoseologico, mentre nella prima è axiologico e antropologico. La differenza è fondamentale, anche perché un 'leitmotiv' della propaganda antimarxista e anticomunista è proprio lo scambio fra le due accezioni e l'attribuzione o la sovrapposizione della prima alla seconda.

      Elimina
    3. la cosa era pacifica, si può in tal senso copiare tutto il Feuerbach di Engels, ecc.
      la mia era solo una battuta

      Elimina
  3. Non inseguiamo vaneggiamenti senili.
    Facciamo l'analisi concreta della situazione concreta.
    6 agosto 1945: bomba all'uranio su Hiroshima.
    9 agosto 1945: bomba al plutyonio su Nagasaki.
    6 agosto 2017: Affondo Usa contro Corea del Nord: "Pronti a guerra preventiva"
    http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2017/08/05/corea-nord-usa-pronti-guerra-preventiva_afb2a0ef-8d71-4fe4-85f3-daa0919c30f8.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 6 agosto 2012 – Curiosity atterra con successo sul suolo di Marte alle 5.31 UTC
      ognuno insegue ciò che vuole

      Elimina
    2. La verità, chiara come il sole accecante di questa torrida estate, è che l’imperialismo, simile a una cagna in calore, non può mutare natura e, quando è posseduto dalla foia bellicista, deve inesorabilmente scaricarla sui popoli che hanno la disgrazia di trovarsi sul suo cammino di aggressione, di rapina e di morte. Sennonché la Corea del Nord è l'antemurale della Cina... Ad ogni modo, ancora una volta la inevitabile conclusione da trarre è la seguente: fin quando esiste il capitale, non c’è pace che sia desiderabile e non c’è guerra che non sia atroce.

      Elimina
    3. A Olympe de Gouges e… naturalmente anche a Eros Barone.

      Eh, Olympe, che cosa è capace di pensare prima e, scrivere poi il figlio di un maresciallo dell’Aeronautica Militare! Anch’io sono stato figlio di un maresciallo, non dell’Aeronautica, ma dell’Esercito e della Compagnia di Disciplina!
      Ad entrambi, e con tutto il rispetto, consiglierei di leggervi il libro di Sergio Sabattini “DA UN ALTRO TEMPO”, Marx e Engels, La Rivoluzione, La Russia; Edizioni Punto Rosso.
      E di vedervi il Dvd “Il pescatore di sogni”, di Lasse Halleström.
      A queste due segnalazioni non posso aggiungervi altro: per la prima la mia esperienza di vita mi dice che il libro di Sabattini spiega veramente qualcosa (nella sua lettura sono soltanto alle prime pagine, alla 65esima); per la seconda, a mio parere, il Dvd è veramente notevole.

      D’altronde rendo uno scambio con Olympe per avermi segnalato tempo fa, sia il libro, sia un interessante Dvd (un altro film): “DIO ESISTE e vive a Bruxelles”.

      Un caro saluto ad entrambi,
      Plinio il vecchio

      Elimina
    4. I quadri militari che costituiscono per me un punto di riferimento essenziale sono, oltre a Pietro Secchia e Luigi Longo, Nino Pasti e Falco Accame. La rivoluzione socialista, infatti, non sarà mai possibile senza la disgregazione delle forze armate dello Stato borghese e senza la direzione di quadri militari di alto livello. Cara Olympe, l'autorizzo a fornire il mio indirizzo di posta elettronica ad Anonimo (alias Plinio il vecchio alias Roberto ecc.).

      Elimina
    5. Gentile Sig. Eros Barone,
      solo ora ho visto la gentile richiesta che ha rivolto al... possessore di questo blog, alias Olympe de Gouges, e lei sta fresco ad aspettare che questo "compagno" la esaudisca. Perciò, se mi darà l'imprimatur a postare questo commento, il mio indirizzo d'e-mail glielo invio io:
      ilvecchio.plinio@yahoo.it

      Un caro saluto.

      Elimina
    6. imbecille, io non possiedo la mail di barone e cmq non userei mai la MIA per mandartela. questo è l'ultimo commento che ti pubblico

      Elimina
  4. Feuerbach o… Pico della Mirandola, Giovanni?

    Plinio il vecchio o anche… Wittgenstein

    RispondiElimina